19.03.2017 - La Rocca di Arona



Con la primavera ormai dischiusa, già manifesta nel caldo sole di metà marzo, è impossibile sfuggire al noto richiamo del Lago. Così, come minimo, possiamo programmare un giro pomeridiano verso Arona, per tornare a vedere il Verbano dall'alto, dal balcone privilegiato dall'antica Rocca di Arona.
Ritrovo alle 14 a Trecate: ci siamo io, papà, Gianky, Giorgio e Sandra, Dario ed Emanuela, ed Emiliano con la sua moto.
Già programmato l'incontro con Luca e Laura in quel di Oleggio, lungo la statale, alle quattordici e trenta. Programma che salta per l'avaria della mia Vespa: la centralina, montata per prova qualche giorno prima, mi abbandona costringendomi ad un pit-stop di venti minuti. Per fortuna la sua sostituzione riporta il motore alla vita e ci permette di riprendere il nostro viaggio.




Luca e Laura ci aspettano diligentemente dal benzina, pronti a condurci, per strade secondarie e piacevolissime, al loro lago. Che poi è anche nostro!
Attraversiamo la colline novaresi, dove alla dominante coltivazione della vite si affiancano una gran varietà di altre piantagioni. Strade tipicamente collinari, dal profilo dolce e sinuoso, sgombere dal traffico massiccio delle grandi statali che conducono al Lago Maggiore.
Mezzomerico, Agrate Conturbia, Veruno, Gattico, Oleggio Castello. In breve tempo raggiungiamo Arona e percorriamo la breve salita che conduce alla Rocca.
Qui un baretto offre un compendio goloso al dolce paesaggio del lago, Il cielo è un poco velato, ma questo nulla toglie alla bellezza di questi luoghi.
La Rocca Borromea, della quale oggi non restano che poche vestigia, giocò un ruolo strategico nei secoli e qui venne alla luce il grande San Carlo Borromeo.
Abbandonata, saccheggiata e in gran parte distrutta, la sua area in tempi recentissimi è stata oggetto di un progetto di recupero che ha offerto ai turisti ed ai cittadini un placido luogo ove potersi rilassare.



Con il prolungamento delle ore di luce, possiamo indugiare un po' nelle chiacchiere, riprendendo la via del ritorno col sole un po' più basso e temperature sensibilmente più basse.
D'ora in avanti la stagione non potrà che migliorare, con tante belle opportunità. Alla prossima!

> Guarda la galleria fotografica! 

Commenti

  1. Che dire gli scherzi del leggendario sono assolutamente esirelanti!!!!! Bella gita ottima compagnia strade divine tempospettacolare Comunque on Sceicco no Party

    RispondiElimina
  2. E bravi i Leggendari.
    Prometto che presto (più o meno) torno tra voi.

    RispondiElimina
  3. Bel tempo, vespe (quasi) al top, paesaggio spettacolare, grande compagnia...praticamente una giornata perfetta. Grazie Marco per il tuo racconto, così ben fatto che fai vivere questa nostra giornata anche a chi non c era....alla prossima 😊

    RispondiElimina
  4. ...perché Arona è sempre Arona e il Lago è sempre il Lago!
    Bella compagnia!
    Peppo su 'ndem :)

    RispondiElimina
  5. Un'altra epica stagione è cominciata , vai col VESPALEGENDTEAM ..........
    solo per numeri 1

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Inserisci un commento!

Post popolari in questo blog

28.05-03.06.2018 - 14° Giro dei Tre Mari - Special Edition Albania

Mostre scambio 2015

Mostre scambio 2014