Di pubblico dominio

A fine pagina l'aggiornamento dei fatti del 28 febbraio 2015.

Negli ultimi mesi ci sono giunte alcune segnalazioni di amici e lettori infastiditi, a riguardo del dominio web vespalegendteampuntoit. Così si rende necessaria una presa di distanze: questo dominio non appartiene all’autentica realtà del Vespa Legend Team, ed è piuttosto la provocazione di un individuo estraneo. 

Scripta manent. Ad attestarlo è il servizio Whois, accessibile a chiunque, che riporta come registrante del sito Diego Bellati, che risulta peraltro essere membro del Consiglio Direttivo del Vespa Club di Vigevano.


Uno screenshot della pagina WhoIs relativa al dominio vespalegendteampuntoit.
I dati in esso riportati sono accessibili pubblicamente.

Un po’ di storia. Nel gennaio del 2014 il predetto soggetto registra a proprio nome il dominio vespalegendteampuntoit; vi associa una pagina provocatoria che recita così: «Dominio in vendita - Prezzo di acquisto: Euro 5,99 - Prezzo di vendita: Euro 5999,99». 
Perbacco, questo nome è un tesoretto! Dobbiamo andarne fieri! 
Quanto al costo materiale, preferiamo investire qualche soldo in maniera più virtuosa. Per esempio nei piccoli regali che ci scambiamo frequentemente e che rappresentano meglio il nostro spirito di amicizia.
Torniamo allo scorso anno. Veniamo a conoscenza del gesto solo diversi mesi più avanti, a seguito di alcune segnalazioni infastidite. Ne siamo dispiaciuti? No, è un bell’attestato del valore del Vespa Legend Team e del blog quale strumento al servizio della nostra amicizia. Mica roba da poco.
Nel 2015 il registrante rinnova l’intestazione del dominio. Siamo a febbraio e compare una curiosa modifica. Alla solita pagina, ancora presente, subentra un redirect automatico al sito del Vespa Club Vigevano, che viene così coinvolto nell’operazione. Possiamo ritenere che le numerose visite al nostro blog facciano gola, inducendo così a sfruttare questa scia per portare qualche beneficio a quel sito.
La cosa rimbalza sui social network suscitando la reazione sdegnata di alcuni naviganti. Così, nel giro di pochi giorni, si assiste ad una felice mossa di retromarcia; in effetti l’operazione in sé non brillava né per eleganza, né per astuzia.
La situazione cambia, infatti. Compare nella pagina la chiosa: «Non sarai punito per la tua rabbia, sarai punito dalla tua rabbia. - Buddha»; ora il redirect punta alla pagina di Wikipedia relativa all’invidia. Oh, finalmente una significativa quanto opportuna ammissione personale!

Avanti tutta. Siamo dispiaciuti per quanti ci hanno segnalato infastiditi questa curiosa serie di eventi. Ma non è il caso di prendersela, credeteci. Ad ogni modo tutto questo ci rafforza, ci mostra l'affetto di tante persone. E quello fa sempre piacere. 
Siamo come sempre portati a vedere il bicchiere mezzo pieno: la macchina del Vespa Legend Team, nel suo trascinante moto d’allegria, catalizza l’attenzione di molte persone ed è naturale che qualcuno s’affanni a seguirne il corso. 
Era già accaduto l’anno scorso, quando ci fu segnalato un dettaglio, sul sito dello stesso Vespa Club, che dimostrava l’utilizzo dei nostri contenuti da parte loro. Sono soddisfazioni, concorderete con noi.

Un nuovo inizio. Nel momento in cui scriviamo, la stagione del 2015 sta per prendere l’avvio.
Le giornate si allungano, il sole si fa più caldo, il cinguettare degli uccelli riprende la scena. Scaldati da questo primo sole e da multiformi attestati di stima, possiamo riprendere a macinare chilometri sulle nostre Vespa.
Così, come sempre… Restate collegati!

A vespalegendteam.blogspot.it, s’intende!


Il Vespa Legend Team 


Aggiornamento del 28 febbraio 2015: A seguito di quanto sopra puntualizzato, il registrante del dominio ha modificato il prezzo di vendita, riducendolo a 0,99€, e modificando il redirect al nostro blog. 
Ribadiamo la nostra totale estraneità nei confronti di questo soggetto e il nostro non interesse per quel dominio, auspicando che nessuna provocazione abbia più luogo. Dal canto nostro, speriamo di non dover tornare più sull'argomento e di non doverci occupare di questi fatti e di queste persone, che del resto abbiamo sempre preferito ignorare, preferendo argomenti più costruttivi per il nostro blog.





Commenti

  1. Non vedo l'ora!! Anzi.. Se il boss mi dà fiducia magari vengo da pilota 😁😉

    P.S.
    Complimenti per l'articolo!!!

    RispondiElimina
  2. Telenovele largentina episodio n 6112

    Guarda cossa hai combinato ora esiamo dentro la boca de todos lo mundo , Fuori , estasera a dormir col perro nel esotoscala. - No , te chiero perdono nel sotoescala col perro no tiene el calor. Se me perdoni te barlico la caviggia con los ditos in calseta. Telenovela largentina te invita a seguir el prosimo episodio . Pubblicità

    RispondiElimina
  3. Ok Marco resoconto preciso - siamo tutti concordi con te - poi su certe cose abbiamo sorvolato e ancora sorvoliamo, ma di questo era doveroso parlare!
    Che poi... la domanda sorge spontanea: ma perché?
    Beh, il colore verde! tipico di alcuni anfibi, come da candida ammissione...
    Ma non vogliamo essere tediosi - per noi e per chi ci segue - presto il nostro Blog tornerà a raccontare di viaggi in vespa, di bei paesaggi, di divertenti incontri...
    sempre con il sorriso :-)
    così tanto sincero che non ce lo potete togliere o copiare!
    p.s. telenovela spassosa ;-) a quando la prossima puntata?

    RispondiElimina
  4. «Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto: non si raccolgono fichi dagli spini, né si vendemmia uva da un rovo.»

    RispondiElimina
  5. Chi l'e causa dal su mal, ga da culpa a i alter !!!

    RispondiElimina
  6. Bene , fine della storia , giriamo pagina.

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Inserisci un commento!

Post popolari in questo blog

Una Tre Mari zoppa

06.01.2019 - Motobefana a Magenta

Mostre scambio 2015