Passa ai contenuti principali


Ma che Pasquetta...

Ieri un messaggio su whatsapp avvisava il gruppo che oggi l’incontro sarebbe stato al Tamoil di Vigevano alle 13.30.

Uff: troppo presto per me, tutto sommato io ho un’oretta di strada per giungere a Vigevano e “fu così” che l’appuntamento è stato ritardato di mezz’ora.

Verso mezzogiorno e mezzo inizio a prepararmi, ho sempre il timore di dimenticare qualcosa.

Giubbotto, felpa, fascia, telecamera, portafoglio, venti euro, telefono chiavi di casa e le chiavi del Bagigio: perfetto c’è tutto.

Ero pronto che mancavano circa dieci minuti alle tredici, decido di partire, almeno evito di far tardi o peggio ancora, di tirare per non far tardi.

La miscela era già pronta dal giorno prima, buono, un fastidio in meno.

Messo in moto il cinquantasette quadro, parto, un saluto alla mamma che scruta dal balcone e via, si parte.

Il cielo oggi è strepitoso, di un azzurro come poche volte si vede, però che freddo, l’aria è veramente fredda!

Sul viale dei fontanili do un’occhiata al contastrada, che strano, oggi il mio polso è generoso, si è stabilizzato in posizione eptadecimale, mah.

Passo Cornaredo, passo Bareggio, poi Vittuone, Corbetta, era ora, finalmente posso lasciare la statale, percorro la strada che gira intorno a Corbetta, poi imbocco quella stradina circondata da campi che porta a Cassinetta, dove c’è il lungo cascinale a destra è il momento di svoltare, pochi chilometri e arrivo a Robecco.

Fabio mi apre, entro, il Bagigio e il duecento sono già lì pronti, però noto che la viennebì è fuori dal garage…

Si parte in tre verso Vigevano, tutto regolare fino al benzinaio, dove il nostro Dario è lì che ci attende, due chiacchiere e scopriamo che non ci sarà nessun altro.

Fabio e Marco ne approfittano per rifornire i serbatoi, io e Dario, mentre scambiamo due chiacchiere lavorative, siamo distratti da una Vespa bianca e azzurra che passa: ma quello è Maurizio! Lo salutiamo. Lui rallenta, si ferma, torna indietro, due chiacchiere, cosa fate? Dove andate? Un giro in oltrepò, Ok mi aggrego!

Uh che bello: fa proprio piacere quando qualcuno si aggrega e diventa del gruppo; non che Maurizio non lo sia, però ci si frequenta meno e quindi oggi ci fa molto piacere.

Partiamo, siamo un bel gruppetto: cinque mezzi, cielo limpido, che volere di più?

Si percorre l’inizio della strada che porta a Pavia, ma con sorpresa, a Borgo San Siro, Dario svolta e giustamente tutti dietro. Una strada nuova per me, si passa da Garlasco, poi zona Tromello, poi zona Sannazzaro ma spetta un momento, io riconosco il paese e parte della strada, che storia: qua ci ero passato con papà, quando abbiamo acquistato la stufa!

Il percorso non è esattamente uguale a quello che feci con mio papà, sta di fatto che arriviamo comunque al ponte della Gerola, un ponte in ferro che passa sopra il Po.

Ricordo questo ponte, disastrato, col porfido malmesso e soprattutto uno scalino in fondo bello alto e difatti, passati i primi metri, ecco il porfido scombinato, verso la fine del ponte rallento per bene, eh si: c’è ancora il gradino, dove a suo tempo la stufa ha fatto un bel salto dentro la Panda.

Si arriva ad incrociare la strada che da Casei Gerola porta a Voghera, percorriamo proprio questa, era da tanto che non passavo di qui. Si attraversa Voghera, poi direzione Rivanazzano, strada che ho percorso dietro una Panda 4X4 bordeaux, che poi vi racconto.

Si esce da Riva, si prende per Godiasco, mi sembra di non sentire nulla dietro, guardo lo specchio ma niente, riguardo allo specchio ma niente, freccia destra e mi fermo, la Panda di cui prima, si ferma anche lei, il conducente mi chiede dove sia il raduno ma quale raduno dico io, no no no, noi siamo un gruppetto che va a farsi dei giri in conto proprio, il tale mi dice che facciamo bene, mi dice inoltre che ha una Rally, una GS e recentemente ha venduto una SS. Intanto Dario torna indietro, io, salutato il Pandista, rimetto in moto e torno indietro, appena dentro a Rivanazzano ecco il gruppo sulla sinistra.

Nulla di grave, un getto sporco ha dato noie alla viennebì, una pulitina veloce e si riparte più felici di prima, tutti d’accordo sul fermarci presto ad un benzinaio.

Appena fuori Riva, ci si ferma, io mi fermo direttamente di fianco ad una colonnina, a spanne dovrebbe esserci poca miscela e in effetti, una verifica al serbatoio e noto che ero li per entrare in riserva.

Finito il rifornimento, il nostro viaggio prosegue sulla strada del Penice, non la percorriamo tutta, a Ponte Nizza svoltiamo a sinistra in direzione Sant Alberto, qui inizia il percorso carino, curve, salite e talvolta del brecciolino sul fondo stradale dal quale è bene stare attenti.

Arriviamo all’eremo, mizzega quanta gente, parcheggiamo tutti, due chiacchiere e guarda te chi si vede, che sorpresa: Francesco e Marina.

Poco dopo io e Dario insistiamo per il panino col salame, Marina ci conduce in un posto, e che posto, dove ci forniscono tre taglieri di coppa e salame, pane, gnocco fritto, acqua e vino.
La merenda è stata squisita, in aggiunta alla località e al cielo limpido ne fanno una gita strepitosa.

Salutiamo Francesco e Marina, riprendiamo le Vespe ed è il momento di rientrare.

Sarà che nel frattempo son passate un po’ di ore, l’aria si è scaldata un po’, meno male, in effetti all’andata faceva freschino.

Percorso, per me noto: Godiasco, poi ci dirigiamo a Rivanazzano, mamma che coda, per fortuna con la Vespa la evitiamo; poi svoltiamo in direzione Montebello dove ci si ferma per un altro rifornimento, si prosegue per Pavia, anche qui, poco prima del ponte del Po, c’è coda anche qui, evitata tutta finché salutiamo Dario e Maurizio.
Io Fabio e Marco proseguiamo, abbiam da poco superato Pavia, siamo in una zona che si vede bene l’arco alpino, caspita riconosco le Grigne e pochi metri dopo vedo anche il Resegone, che impressione vederli da qua: li vedo più piccoli e data la distanza fanno meno contrasto col cielo, anche senza sapere dove fossi, capisco di essere ancora lontano da casa.

Salutati anche Fabio e Marco, proseguo, quando mi ritrovo sulla strada circondata da campi, appena prima di Corbetta, riguardo le Alpi, di nuovo le Grigne e il Resegone, stavolta fanno un pochino più contrasto, indice che mi avvicino a casa.

La strada da Corbetta a casa è stata un delirio, ha iniziato a soffiare forte il vento e tenere un’andatura rettilinea col Bagigio è stata veramente un’impresa.

Giunto al ponte che separa Cornaredo da Lucernate, guardo il sole, tra poco sfiorerà l’orizzonte, inizia a fare freddo, il vento continua a soffiare, manca poco e non vedo l’ora di essere a casa.

Nel complesso una gita strepitosa, con pochi “ingredienti” semplici:

cielo azzurrissimo, luoghi incantevoli, merenda con ottima coppa, ottimo salame e non dimentichiamoci del gnocco fritto, Vespe e un gruppo di “macina-chilometri”.

Ora qualche numero della gita: duecentotrentuno chilometri, circa un pieno e mezzo di miscela, quattro Vespe e il mio Bagigio, quattro euro spesi per la merenda.



Si ringraziano in ordine di incontro:

Fabio

Marco

Dario

Maurizio

Francesco

Marina

Eva e tutta l’osteria La Piola



Ma non è finita qui: c'è ancora qualche filmato:







Commenti

  1. Ingradienti semplici... il segreto di ogni buona ricetta VLT :-)
    Ma ci metti troppo a prepararti Peppo! e poi che dire... ancora peccato di non esserci stati...

    RispondiElimina
  2. Merenda strepitosa, come il resto della gita. Da ripetere!

    RispondiElimina
  3. Peppo tieni in caldo la cinepresa che quest'anno la facciamo fondere.

    RispondiElimina
  4. Presidente, quando sarà fusa ne compreremo un'altra! :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Inserisci un commento!

Post popolari in questo blog

Mostre scambio 2015

Anche quest'anno vi proponiamo il calendario delle mostre scambio di auto e moto d'epoca organizzate nel nostro paese.
Abbiamo stilato questo elenco sulla base di materiale "ufficiale", ovvero divulgato direttamente dai vari organizzatori (siti web, volantini, locandine). Raccomandiamo per scrupolo di consultare gli organizzatori nell'eventualità di variazioni delle date o delle sedi delle manifestazioni.

Sono gradite segnalazioni e correzioni, che potete trasmetterci anche via e-mail.

Buona consultazione!


Mostre scambio 2014

Mostre scambio... che passione!
Noi del Vespa Legend Team siamo assidui frequentatori di mercatini a tema motoristico. 
Ci organizziamo spesso per visitare tutte quelle organizzate nell'arco di alcune decine di chilometri. 

Sperando di fare cosa gradita, anche per tutti gli amici visitatori, abbiamo preparato un calendario con gli appuntamenti per gli appassionati.
Il calendario è in continuo aggiornamento. 
Sono gradite segnalazioni di qualsiasi genere, per le quali potete usare il modulo contatti presente nella barra laterale a destra.

Il presente calendario è stato redatto sulla base di informazioni reperite in primo luogo sui siti di riferimento dei vari eventi.

Qui trovate riportate esclusivamente informazioni divulgate in forma ufficiale
Raccomandiamo tuttavia di verificare le informazioni qui riportate - delle quali non siamo responsabili - contattando gli organizzatori delle manifestazioni.

Nel calendario sono tuttavia indicati anche alcuni appuntamenti tradizionali ed affermati …

Calendario raduni Vespa Club d'Italia 2015

Anche per il 2015, pubblichiamo con piacere il calendario delle manifestazioni del Vespa Club d'Italia.









Licenza Creative Commons
I contenuti di questo blog sono distribuiti con licenza

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.